Marco Mattolini

Marco Mattolini

Docente Recitazione

Curriculum

Oltre 50 lavori teatrali (la maggior parte dei quali di autore contemporaneo e/o novità assolute per l’Italia), quattro musical (“Corto Maltese” di Pratt – Ongaro – Mattolini, musiche di Paolo Conte, “Il gatto che scoprì l’America” per il Teatro dell’Opera di Roma, “Parlami di me” di Costanzo e Vaime con Christian De Sica), “A un passo dal sogno”, due opere liriche (“Il gioco dei mostri” per l’Accademia di Santa Cecilia di Roma e “Haensel e Gretel” con l’Orchestra Sinfonica Siciliana), due film (“Il mistero del Morca” 1984, “Per finta e per amore” 2002), oltre cento puntate di fiction televisiva come regista, circa 600 ore di televisione come autore o story editor (di fiction, varietà, documentaristica), l’ideazione e la cura di decine di eventi di spettacolo dal vivo, una decina di traduzioni e adattamenti per la scena, questo in sintesi il bilancio di quasi 30 anni di lavoro.

Fra gli spettacoli più significativi: “Il bacio della donna ragno” di Puig, “Nerone” di Terron, “Bent” di Shermann, “Come gocce su pietre roventi” di Fassbinder, “Il fu’ Mattia Pascal” e “Uno, nessuno e centomila” da Pirandello (con Flavio Bucci), “Gli alibi del cuore” di Maraschi, “Sunshine” di Mastrosimone, “La strana coppia” di Simon,”Hurlyburly” di Rabe, “Chi ha paura di Virginia Woolf?” di Albee, “Due di noi” di Frayn, “Mugugni” di Berkoff, “La Traviata di Lisbona” di McNally, “Polvere di stelle” di Micheli – Zapponi , “Caro bugiardo” di Shaw – Campbell, “Double act” di Clayton, “Se questo è un uomo” di Levi, “Quante vite avrei voluto – una storia per Luigi Tenco” di Paterlini.

Dopo un apprendistato nei gruppi teatrali di base di Firenze (1969 - 1974), un periodo da organizzatore culturale nell’ARCI (’72 - ’77), la laurea in Pedagogia presso l’Università di Firenze (con una tesi sulla funzione educativa delle attività teatrali di base – 110 e lode) e il lavoro nella Cooperativa cinematografica “Lunga Gittata” (’77 - ‘79) di cui diventa presidente e che produce il film “I giorni cantati” di Paolo Pietrangeli, una serie di speciali per Rai Tre, alcuni spettacoli di Giovanna Marini, fra cui “Requiem”, rappresentato con grande esito di pubblico e critica a Roma e a Vienna, nel 1980 debutta nella regia teatrale con la prima riduzione de “Il bacio della donna ragno” di Manuel Puig con Giulio Brogi.

Nella stagione 1981/82 mette in scena due spettacoli con Mario Scaccia protagonista: “Nerone” di Carlo Terron e “La scuola delle mogli” di Moliére ed assume la direzione artistica del Teatro delle Muse di Roma.

Nel 1982/1983, assieme a Hugo Pratt e Alberto Ongaro riduce per il teatro e cura la regia di “Corto Maltese” con Athina Cenci e Alessandro Benvenuti, con i quali, nella stagione estiva, allestisce il musical di Ugo Chiti e A. Benvenuti : “Marta e il Cireneo”:

Il 1984 è l’anno del debutto cinematografico con “Il mistero del Morca”, con Mario Scaccia, che partecipa ai Festival di Venezia, Berlino, Algeri, Giffoni e per il quale vince il premio Ischia 1985 come miglior regista esordiente.

Nel 1985 progetta e conduce in collaborazione con varie associazioni, alcune manifestazioni - spettacolo: “Un treno contro la droga” al Pala - Eur di Roma, “Live Love” al Foro Italico, “Aid for Aids” al Teatro Ciak di Milano. Sceneggia e dirige “E ricchissimo diventerai”, telefilm per RAI 2; cura regia e traduzione di “Bent” di Martin Sherman che debutta ad Asti Teatro 7.

Nel 1986 alla Versiliana allestisce un inedito di W. R. Fassbinder “Come gocce su pietre roventi” e, all’Isola Tiberina di Roma, progetta e conduce “Isole” , contenitore di teatro, musica e spettacolo. Un altro autore sconosciuto in Italia (Michel Vinaver) arriva sulle nostre scene con “Nina, è un’altra cosa” , interpretato da Manuela Kustermann, Stefano Santospago e Fabio Maraschi.

Nel 1987 scrive, dirige e produce il telefilm “Tertius” con A. Cenci e A. Benvenuti per RAI 3 e mette di nuovo in scena “Il bacio della donna ragno” nella riduzione dell’autore (con Emilio Bonucci e F. Maraschi) che debutta alla Versiliana in contemporanea con un altro testo inedito dell’autore argentino: “Mistero del mazzo di rose” (interpreti Anita Laurenzi e Delia Bartolucci). Firma le regie di “...in assenza del signor Goethe” di Peter Hacks e di “Faust ‘67” di Tommaso Landolfi.

Nel 1988 coordina la sceneggiatura e dirige la prima situation - comedy italiana: “Zanzibar” con Angela Finocchiaro, Silvio Orlando, Claudio Bisio, Antonio Catania, Gigio Alberti. L’attività televisiva prosegue nel 1989 con il talk show “Ars Amanda” con Amanda Lear (RAI 3) di cui è autore e regista e con “Emilio” programma satirico per Italia 1 di cui è co-autore. Al festival di Asti debutta la commedia “Hurlyburly” di David Rabe, con Lino Capolicchio, Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Fabio Maraschi, di cui cura adattamento e regia.

Nel 1990, durante i mondiali di calcio, cura testi e regia di “Emilio ‘90”, striscia satirica quotidiana per Italia 1. In occasione del Festival Verdiano promosso dal Teatro Regio di Parma dirige lo spettacolo “Dossier Trovatore” di Enrico Vaime e Simona Marchini, con la stessa Marchini ed infine è co-autore e regista di tre speciali natalizi per Canale 5.

Nel 1991 per il piccolo schermo realizza per RAI 2 “Quelli del teatro tenda” con Paolo Panelli, è autore e conduttore in video di una serie in 11 puntate per RAI SAT dal titolo “In principio era il teatro...” (replicata poi su RAI 2 nella stagione ‘96/’97) e ancora, per RAI 2, è autore di “Serata d’onore”. Regie per il teatro: “Una giornata dalla mamma” di Charlotte De Turkheim e Bruno Gaccio, (con S. Marchini). Fonda la società di produzione teatrale “Magnifico s.r.l.” che realizza “Ti ricordi il teatro....” di Andrea Stanisci (con Anna Casalino) e “Lorenzo, diciamolo, non era bellissimo” con Giorgio Albertazzi, A. Cenci, Mariangela D’Abbraccio e tanti altri.

Nel 1992 cura i testi di quell’edizione di “Serata d’onore” (per RAI DUE) e per il teatro “Ragazze” di Andrea Zingoni tratto da “American Psyco” di B. Ellis. Produce e drige “Sunshine” di William Mastrosimone con Mariangela D’Abbraccio e Massimo De Rossi che debutta al Festival dei Due Mondi di Spoleto, “Gli alibi del cuore” di F. Maraschi con A. Cenci ,L. Gioielli, D. Bartolucci, P. Rossi Gastaldi, A. Casalino (Asti Teatro 14). Dirige Flavio Bucci ne “Il fu’ Mattia Pascal” di Tullio Kezich da Pirandello. Dirige e produce “Sogno di una notte di capodanno” con A.Cenci, F. Bucci, G. Albertazzi e altri.

1993: è co-autore dei testi di “Seratissima” per Canale 5 e, assieme a Michele Serra, è consulente speciale ai testi di “Cielito lindo” per RAI 3 . In teatro dirige Bucci in “Una notte incanta d’estate” da Shakespeare, (Festival di Benevento), Athina Cenci ne “La donna gigante” di Lidia Ravera (prodotto dalla 2Magnifico”) , “Firenze per non dimenticare Firenze”, serata nel trigesimo della strage degli Uffizi promossa da Palcoscenico Firenze, associazione culturale di cui è presidente, ed infine collabora alla ideazione de “Le amiche del diavolo” kermesse - spettacolo con A. Benvenuti, Maurizio Micheli, Lucia Poli, Carlo Monni e altri.

Fra il 1993 e il ’94 è fra gli autori di “Domenica In” ; dirige R. T. Tognazzi e S. Izzo in “Mugugni”, versione italiana di “Kvetch” di Steven Berkoff. Per il Teatro dell’Opera di Roma cura la regia e co- produce con la “Magnifico” il musical per ragazzi “Il gatto che scoprì l’America” di Adriana Del Giudice e Rosa Stipo che viene rappresentato al Teatro Brancaccio di Roma. Nell’estate ’94 per Taormina Arte, in occasione del decimo anniversario della scomparsa di Eduardo De Filippo, cura la serata inaugurale del Festival: 'Eduardo domani: il teatro dalle gambe lunghe” a cui partecipano fra gli altri Lino Banfi, Lina Sastri, Gabirele Lavia, Monica Guerritore, Simona Izzo, Ricky Tognazzi, Luca De Filippo, Isa Danieli, Ida di Benedetto, Mariangela D’Abbraccio, Remo Girone.

Nel 1995 mette in scena al Teatro Parioli di Roma “2005, ultimo atto” di Gianfelice Imparato e per Taormina Arte la versione teatrale di Giuseppe Manfridi di “Uno, nessuno e centomila” di Pirandello con F. Bucci, che verrà ripresa nelle due successive stagioni per oltre 350 repliche. Per la rassegna “Garofano verde”, promossa dal Comune di Roma, dirige “La Traviata di Lisbona” di Terrence Mcnally con Bruno Armando, cura e dirige la serata - evento: “Amici, amanti, complici” con M. Scaccia, F. Bucci , L. Gullotta, L. Barbareschi; R. Tognazzi, S. Izzo, M. Venturiello ed altri. Cura la regia de “La strana coppia” di Neil Simon con Andrea Brambilla e Nino Formicola, ripresa per la serie “Palcoscenico” (RAI 2).

Nel 1996 per il Teatro Eliseo di Roma è il regista di “Due di noi”, di Michael Frayn con Anna Marchesini e Tullio Solenghi. Coordina e produce il progetto “Un teatro contro l’AIDS” , nell’ambito del quale riprende lo spettacolo “Gli alibi del cuore” , prima con Athina Cenci e poi con Mita Medici e realizza una serie di eventi spettacolo (“ Lunedì Reazione”) coinvolgendo alcuni dei più significativi protagonisti della scena italiana. Realizza drammaturgia, regia e produce gli spettacoli “Nel cuore di Totò” (con Mariangela D’Abbraccio, “Il Magnifico e il Barbiere” scritto e interpretato da Marco Messeri. Per conto della Regione Toscana realizza l’evento “Viva Verdi!”, una serata di spettacolo, musica e idee condotta da Athina Cenci e Massimo Ghini in diretta dal Teatro Verdi di Firenze in onda su 17 emittenti televisive della Regione. Sono sue drammaturgia e regia de “La bestia non sa leggere”, recital di Francesco Magali . Riceve il “Biglietto d’oro - AGIS” per la stagione ‘95-’96. Per conto della Regione Toscana e dell’Università degli Studi di Firenze è consulente artistico della manifestazione “Univer-city” in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Accademico ‘96-’97 e realizza il video “C’era una volta un pezzo di carta....”.

Nel 1997 dirige Heather Parisi, A. Brambilla e N. Formicola nello spettacolo “Letto a tre piazze” di R. Clark e S,. Bobrick. Realizza assieme a Marco Messeri la serata - evento “Scintille” a cui partecipano fra gli altri A. Benvenuti, Christian De Sica, Massimo Boldi. Per Taormina Arte mette in scena la commedia “Via dei Serpenti” di Pino Misiti. In autunno dirige Jhonny Dorelli e Loretta Goggi nella seconda serie della situation-comedy “Due per tre” (Canale 5).

Nel 1998 coordina gli autori e cura la regia della terza serie della sit-com “Due per tre”. . Traduce e dirige in teatro la commedia “Chi ha paura di Virginia Woolf?” di Edward Albee con F. Bucci e A.Cenci. Per Rai Sat è ideatore e regista di 'Haensel e Gretel', favola per musica immaginata dai ragazzi di Palermo, un programma basato sulla ripresa dell'opera di Humperndick, eseguita dall'Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta da Walter Attanasi (Rai Sat)

Nel 1999 cura la regia della ripresa televisiva dei concerti del cartellone 'S. Cecilia per i bambini' ('Gli ottoni animati' e 'Nel giardino degli archi') per RAI SAT, la regia teatrale e televisiva dell'opera fantastica 'Il gioco dei mostri' di Lucio Gregoretti e Nicola Sani, libretto di Paolo Fallai (commissione dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia) al Teatro Valle di Roma), di cui è anche produttore. E' tra gli autori di 'Chi ha incastrato Peter Pan?' serale in otto puntate per Canale 5, condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti. Dirige la serie televisiva 'Don Luca' con Luca Laurenti, Paolo Ferrari, Marisa Merlini, sempre per Canale 5 . Assieme a Walter Attanasi e Simona Marchini è per questo anno co - direttore artistico del rinnovato Todi Arte Festival, gestito dalla “Magnifico”, nell’ambito del quale mette in scena “Cromosoma Sigfrido” di Jonathan Tolins, con Bruno Armando, Ugo Gregoretti, Stefania Barca, Francesca Benedetti, Francesco Magali e l’Orchestra Camerata Cassovia diretta dal Maestro Walter Attanasi e cura l’allestimento dell’evento multimediale “Il mondo perduto dei ragazzini” con la partecipazione della stessa Orchestra, del mezzosoprano Marianna Kulicova, delle attrici Simona Marchini e Mascia Musy, degli artisti Andrea Santarlaci, Giuseppe Salvatori, Fabrizio Corneli. Mette in scena la commedia “La moglie delle undici di sera” di Ludovica Marineo, con Mascia Musy:

Nel 2000 coordina la sceneggiatura e cura la regia di “Casa Italia”, una serie di sit-com in venti puntate che è allo stesso tempo un corso di italiano, prodotta dalla Adnkronos per Rai International, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. E’ tra gli autori de “La vita è meravigliosa”, programma di prima serata in sei puntate per Canale 5. Cura la regia dello spettacolo “Polvere di stelle” di Bernardino Zapponi e Maurizio Micheli, che va in scena al Festival de “La Versiliana”. Cura la traduzione e dirige Flavio Bucci e Marina Malfatti in “Caro bugiardo” di J.Kilty Per Rai Tre è consulente per la parte spettacolare del programma “Gustibus” di Sandro Vannucci 

Nel 2001 dirige ancora Flavio Bucci e Marina Malfatti in “Adorabile Julia” di W.S. Maugham e M.G.Sauvajon. E’ autore e regista di “Valeria dei teatri” , speciale su Valeria Moriconi per Rai Sat. Cura tre eventi del progetto “La biblioteca ideale” dedicati ai libri “Senso” di Marta Boneschi (con Athina Cenci e Gennaro Cannavacciuolo), “Apnea” di Piero Gaffuri (con Massimo Ghini), “Margherita vuole il Regno” di Franco Scaglia (con David Riondino e Mascia Musy). Cura la regia di “Prove di volo per piccoli roditori” di e con Francesco Magali. Per la rassegna “Garofano verde” mette in scena un evento teatrale basato sulla commedia “Crepe” di Buddy Thomas. Sceneggia e dirige quattro monologhi teatrali con giovani attori per Rai Sat. 

Nel 2002 dirige il film “Per finta e per amore” , con Remo Girone, Denis Fasolo e Giulia Montanarini, che partecipa con successo ai Festival di Montecarlo, Torino e Miami. Dirige lo speciale “La giostra del tempo” per RAI DUE. Cura la regia di una nuova edizione di “Nel cuore di Totò” con Mariangela D’Abbraccio.

Nel 2003 assume la direzione della compagnia teatrale APAS produzioni di Sebastiano Calabrò, per la quale realizza l’evento “Metti, una sera un libro” con la partecipazione di Tullio Solenghi, Maurizio Micheli, Max Giusti, Barbara Alberti, Marco Lodoli, Mariangela D’Abbraccio, Francesco Magali, Marianella Bargilli. E’ fra gli sceneggiatori e soggettisti della serie tv “Carabinieri 3”. Collabora con Andrea Zingoni alla sceneggiatura del lungometraggio a cartoni animati “Martino, un topo e un violino” per “Lanterna Magica”. 

Nel 2004 è accanto ad Andrea Zingoni, uno degli story editor, soggettisti e sceneggiatori delle serie Tv a cartoni animati “Gino, il pollo perso nella rete” prodotta da “Lanterna Magica” per Rai Fiction. E’ fra gli sceneggiatori della serie Tv “Carabinieri 4” . Per Rai Sat cura la ripresa televisiva di “Tre sorelle” di Cechov con Pamela Villoresi e Valeria Ciangottini. Per la Conferenza Episcopale Italiana collabora alla ideazione e alla realizzazione de “Il giorno dell’acqua – le Religioni per la difesa del Creato” che si svolge a Terni il 29 aprile con la partecipazione di Sandro Vannucci, Maria Grazia Cucinotta, Mario Tozzi, Gloria Pomardi, Gilda Buttà, Giorgio Albertazzi e altri. I materiali della giornata costituiscono la base per uno speciale per RAI SAT dallo stesso titolo e per un DVD sperimentale di cui è regista e autore. Cura la realizzazione e la regia degli eventi “La passione di raccontare” (Estate Romana) con la partecipazione di Elena Sofia Ricci, Sergio Rubini, Ugo Gregoretti, Alessio Boni, Franca Valeri, Mariano Rigillo, Gloria Pomardi e altri e “Per questo esistono gli amici” (Città della Pieve) con Pino Caruso, Andrea Roncato, Katia Beni, Erica Blanc, Vincenzo Crocitti e altri. Cura la regia di “Se questo è un uomo” di Primo Levi.

Nel 2005 è di nuovo fra gli sceneggiatori della serie TV “Carabinieri 5”. Al Parco della Musica di Roma mette in scena “L’odore dell’inconscio”, di Sandro Gindro, con la partecipazione di Franco Castellano, Maurizio Micheli, Gloria Pomardi, Alberto di Stasio, Gennaro Cannavacciuolo. Per il Kal’s Art Festival di Palermo realizza al Castello della Zisa, “Le sette chiavi delle Mille e una notte” , sette serate evento di musica, immagini parola con la partecipazione di Elisabetta Pozzi, Mariangela D’Abbraccio, Maria Rosario Omaggio, Paila Pavese, Gloria Pomardi, Gloria Sapio, Selene Gandini, Francesco Magali, il gruppo musicale Ecovanavoce e “Il teatro narrato – il grande romanzo dell’800 e l’alba del 900”, 14 testi di autori italiani (Pes, Guardigli, Erba, Manfridi, Scaldati, Puppa, Familiari, De Bei, Pierattini, Monroy, D’Onghia, Perriera, Lerici, V. Moretti) tratti dalla grande narrativa del XIX secolo con la partecipazione di Flavio Bucci, Edoardo Siravo, Franco Castellano, Giacarlo Zanetti, Franco Scaldati, Luigi di berti, Giorgio Lupano, Maria Paiato, Guia Jelo, Laura Nardi, Roberto Burgio, Antonio Salines, Milena Vukotic. Mette in scena assiema a Gloria Pomardi lo spettacolo “Come una rana d’inverno” tratto da Primo Levi e altri. 

Nel 2006 è autore e dirige per “La storia siamo noi” di Rai Educazione “Per Bacco” , un programma in cinque puntate sulla storia del vino in Italia. Cura la regia di “Volare è peggio” di Flora Farina, che debutta nella rassegna LET di Roma e quella di “Quante vite avrei voluto – una storia per Luigi Tenco” di Piergiorglio Paterlini con Gianluca Ferrato. Cura l’evento “Il caso Pasolini” per la Rassegna “Giallo d’Estate” a Putignano. E’ fra gli sceneggiatori della serie Tv per Canale 5: Carabinieri 6 e soggettista-sceneggiatore della Sit Com “Situation Scomody” (Rai Due).

Nel 2007 dirige Christian De Sica nel musical “Parlami di me” , scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime, che debutta ad Assisi e poi al Teatro Sistina di Roma. E’ fra gli autori (soggettista e sceneggiatore) della serie Tv Carabinieri 7 (Canale 5). Collabora con Domenica In. Dirige il cortometraggio “Il pavone danzante”, che partecipa al Roma Film Fest 2007. Cura la regia del musical “A un passo dal sogno” di Costanzo e Vaime con i ragazzi di “Amici”, Mauro Coruzzi e Paolo Calissano.